So hard so sweet, SKYE WALLACE all’Armadillo di Courmayeur

Skye P1230607.jpgLa sera prima era al’UnaeTrentaCinqueCirca di Cantù per un tributo a Leonard Cohen in cui ha conosciuto il valdostano Alberto Visconti. Il 22 settembre, la cantautrice canadese Skye Wallace ha, invece, animato l’Armadillo di Courmayeur mettendo in mostra la grinta e la voce che, in passato, hanno portato uno spettatore a confessarle che l’aveva spaventato. “La sua voce è come uno scoppio di fuochi d’artificio”, ha scritto, non a caso, un giornalista canadese. Ed un altro si è spinto a definire questa ventottenne di Vancouver “tesoro nazionale”.Skye P1230603.jpgPartita dalla folk music canadese alla Joni Mitchell, si è ispirata anche al punk rock di Patti Smith, con venature new wave alla Blondie, altro modello per la sua vocalità. Ma le cover cantate all’Armadillo (“One more cup of coffèe” di Dylan, “Helter Skelter” dei Beatles e “Bird on wire” di Cohen) mostrano modelli molto variegati, che includono i Weakerthans, il cui “Reconstruction Site” è stato per lei fondamentale. Questo cocktail di influenze ha portato nel 2014 alle delicate ballate acustiche di “Living Parts”, in cui spiccano le “Klondike”, “Dead Things Part II” e “Ain’t it Hell” eseguite a Courmayeur. Più energico e rockeggiante Something Wicked”, l’album del 2016 che ha pezzi tiratissimi, come la bluesy “Blood Moon”, “Stronghold” o la pulsante Mean Song 2”.Skye P1230763.jpgDi quest’anno è, invece, il singolo “Swing Batter” che rievoca la storia del processo a Angelina Napolitano di Sault Saint Marie, nell’Ontario. Dopo aver subito per anni gravi abusi da parte del marito, nel 1911 Angelina lo uccise con un’ascia. Siccome al momento del suo primo processo era incinta, fu condannata a essere giustiziata dopo il parto. Le proteste suscitate in tutto il mondo dai primi gruppi femministi riuscirono, però, a fare commutare la condanna in ergastolo. Angelina fu, poi, rilasciata 11 anni dopo. Della canzone è stato realizzato un potente video, diretto da Sam Soo, che diventa un atto d’accusa contro la violenza sulle donne. “La storia di Angelina- commenta Skye- mostra come è avvenuto il cambiamento nel passato e di come dobbiamo lavorare sodo per difendere quel cambiamento. Educando noi stessi e gli altri”.Skye P1230642.jpgSkye P1230794.jpgSkye P1230833.jpg


Rispondi