fbpx
C'era una volta Valle d'Aosta

C’ERA UNA VOLTA (41) -La Maestra NEVA ZANOTTI.

Neva Zanotti IMG_6302 2Sapevo che non stava bene, perché nel giugno 2018 l’avevo visitata con la Commissione Invalidi di Aosta. Era in carrozzina, ma mi aveva riconosciuto. E gli occhi di Erminia Neva Zanotti erano tornati a brillare come durante le tante serate della Saison Culturelle cui avevamo assistito, che immancabilmente commentavamo con ironia.

Neva Con Arisa DSCF3636Protagonista di queste serate era spesso lei.

In senso positivo, come nel marzo 2017 quando il feeling stabilitosi con Arisa, aveva fatto sì che la cantante si sedesse in platea accanto a lei.

O quando l’avevo fotografata mentre si intratteneva coi ballerini ginnasti dei Sonics.

Più spesso, però, i suoi interventi erano critici. Anche in corso d’opera. Ne sa qualcosa Enzino Iachetti che nel 2014 fu ripetutamente rimproverato perché diceva troppe parolacce.  O quando se la prese con Enrico De Angelis perché in una sua serata del Club Tenco si parlava troppo e si sentiva poca musica. Neva Zanotti bnIMG_7027 2

Non a caso i responsabili della Saison Culturelle la tenevano in gran conto. Anche l’attuale assessore regionale alla Cultura, Chantal Certan, che oggi la ricorda sempre in prima fila nella nota di cordoglio scritta per la sua morte, avvenuta ieri a 93 anni  (era nata a Portomaggiore il 28 gennaio 1927).

Vi sottolinea anche la sua pluridecennale attività di insegnante elementare. “Neva Zanotti ha saputo trasmettere ai suoi studenti e a tutti coloro che l’hanno conosciuta l’amore per la cultura e per i libri, con grande entusiasmo, intelligente originalità e studiata irriverenza, così come è sempre riuscita ad esprimere il suo profondo legame con la terra valdostana.”

In prima fila, sempre vestita con eleganza civettuola, la Neva Zanotti è stata anche in altre manifestazioni culturali. Come Les Mots, il festival della parola aostano, la cui edizione 2016 battezzò duettando con Pino Insegno. Ecco, quindi, che Arnaldo Colasanti, curatore della rassegna, ne ha voluto tracciare un ricordo. “Con Neva se ne va un mondo: un altro pezzetto di quella memoria di cui abbiamo bisogno. Viene a mancare quell’esempio di umiltà, di passione, di consapevolezza, di giusto orgoglio per quello che si è fatto nella vita: viene a mancare quella generosa curiosità di una donna anziana che parlava ancora come una ragazza, sotto il sole della più bella Valle d’Aosta.”

Un commento

  1. Grazie Gaetano per questo bel ricordo 💕 volevo bene a Neva

    Se puoi mi invii una foto, mi piacerebbe inserirla nei miei album fotografici
    Luigina

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: