PATTI SMITH: canzoni di rabbia, amore e morte a Saint-Vincent

In fondo non aveva tutti i torti quando, con un misto di orgoglio e preoccupazione, diceva: “Guardate Cristo, è durato solo 33 anni”? Lei che, parlando al cuore di milioni di uomini, di anni è riuscita a metterne in fila il doppio. Lei che ha saputo volare nei cieli della poesia, sposandola meglio di chiunque altro al rock (“go Rimbaud, go Rimbaud, and go Johnny go”). Lei che è riuscita a riemergere (quasi) indenne dall’inferno della droga e della morte.Read more

SHANGHAI NOODLE FACTORY: good times are coming

Nonostante la giovane età sul chitarrista Max Arrigo fioriscono già leggende. Nell’ambiente del blues torinese si favoleggia, infatti, di un suo viaggio a Clarksdale, nel Mississippi, e di certi suoi affari col diavolo nei pressi del celeberrimo “Crossroads” (incrocio: n.d.r.) tra le Highway 49 e 61. Quel che è certo è che da una tournèe negli Stati Uniti è tornato con un suono della chitarra “extra mojo”, cioè potente e magico, ed una capacità di creare pezzi di “southern rock”Read more

L’intima e giocosa “Hausmusik” delle “CORDECONFORME”

Con l’affermarsi della borghesia, intorno alla metà del XVIII secolo si diffuse l’usanza di fare musica nelle case private. Soprattutto in area tedesca, dove il fenomeno prese il nome di “Hausmusik o musica domestica” e vide protagonisti una schiera di dilettanti di buon livello, che, proprio in quanto tali, preferivano cimentarsi in forme musicali meno impegnative e più orecchiabili. Fra questi numerose erano le donne, che trovavano nella musica una forma di riscatto ad una vita povera di gratificazioni sociali.Read more

ARIA NUOVA: musicisti valdostani insieme per i terremotati dell’Abruzzo

L’idea è nata nel giugno scorso sulla scia della canzone “Domani” realizzata dai migliori cantanti pop italiani per aiutare le popolazioni abruzzesi colpite dal terremoto dell’aprile 2009. Perché non fare qualcosa di simile in Valle d’Aosta?, si sono chiesti i musicisti aostani Andrea Dugros e Luca Pera. Detto fatto hanno composto (con Carlo Benvenuto) la canzone “Aria nuova”, contattatando i migliori cantanti valdostani perché la interpretassero. Hanno risposto in ventiquattro, in rappresentanza un po’ di tutti i generi: dal jazz (DonatellaRead more

Natale con LADY BARBARA

Se è vero com’è vero che il Natale si festeggia con le persone più care e familiari, cosa c’è di meglio che allietarlo ascoltando il nuovo Cd di Barbara Matteucci in arte Lady Barbara? Nei venti anni di attività che il Cd celebra, la cantautrice valdostana ha, infatti, sottolineato con le sue note gli avvenimenti lieti e le feste di migliaia di valdostani. Tanti di quei momenti gioiosi sono sicuramente legati ai quattordici brani del Cd “Lady Barbara Volume 5”Read more

L’energia selvaggia di MARINA REI

Il 16 dicembre scorso, nella giornata dedicata dalla “Cittadella dei Giovani” di Aosta alla rievocazione del quarantennale del festival di Woodstock (in collaborazione con la “Fondazione Arezzo Wave- Italia Wave“), lo spirito libero di quegli anni si è incarnato nella cantautrice romana Marina Rei, che, nel corso del concerto tenuto nell’Auditorium, ha dato un’interpretazione memorabile di “Piece of my heart”, restituendone la stessa selvaggia energia  con la quale nell’agosto 1969 Janis Joplin aveva infiammato la platea. «Mi piace questa cosaRead more

Le architetture sonore di LUDOVICO EINAUDI alla “Cittadella dei Giovani”

Il nuovo Auditorium della “Cittadella dei Giovani” ha avuto un battesimo d’eccezione, lo scorso 14 dicembre, grazie alle architetture sonore senza tempo del compositore Ludovico Einaudi, il cui concerto solistico ha visto i 200 posti della piccola struttura esauriti. «I miei Cd– ha spiegato- li vedo come se avessero un’architettura: con colonne più imponenti che sostengono il palazzo, e poi vari ambienti che vanno dalle camere più piccole e intime agli ampi saloni. Nell’ultimo Cd, “Nightbook”, c’è perfino un brano,Read more

APPUNTI DI VIAGGIO (5): L’Oriental Pearl Tower di SHANGHAI (2009)

Come spesso succede in Cina, l’idea che è alla base dell’Oriental Pearl Tower di Shanghai è poetica: il suo disegno dovrebbe, infatti, evocare il suono prodotto dal liuto come descritto da un poema della dinastia Tang. Tutto ciò nel 1995 si è concretizzato in una struttura avveniristica composta da cinque sfere collegate da tre colonne che culmina con un’antenna  di ben 118 metri che trasmette programmi radio e televisivi. L’altezza totale di 468 metri ne fa la torre più altaRead more

La luce di CLAUDIA GERINI e l’Ombra di FEDERICO ZAMPAGLIONE al “Noir in Festival”

La luce e l’ombra. Lei a mostrare, radiosa, una matura bellezza neanche minimamente scalfita (anzi) dalla recente seconda maternità.  Lui a (di)mostrare il suo “dark side” presentando, fuori concorso, il suo secondo film “Shadow“. L’attrice Claudia Gerini ed il cantautore Federico Zampaglione sono stati  la coppia più ammirata della diciannovesima edizione del “Noir di Festival” svoltasi a Courmayeur dal 7 al 13 dicembre. «Un paio di anni fa – ha raccontato Zampaglione – stavo andando in bicicletta con Claudia neiRead more

L’inquieta scrittura Noir di SAMUELE BERSANI

Lo stretto rapporto tra “Noir in Festival” e musica ha fatto sí che negli ultimi anni diversi giovani cantautori italiani siano venuti, a vario titolo, a Courmayeur. Dopo David “Boosta” Dileo dei “Subsonica”,  scrittore di Noir, e Niccolò Fabi, che lo scorso anno partecipò coi “Mokadelic” all’evento “Ancora sulla cattiva strada” di Gabriele Salvatores, nell’edizione 2009 è stata  la volta di Samuele Bersani, che ha fatto parte della giuria del Festival, e di Federico Zampaglione (che sabato 12 dicembre ha presentato fuori concorsoRead more

Il NOIR IN FESTIVAL conferma che il Noir si addice agli scrittori sardi

Con 45 case editrici locali, oltre 300 nuove uscite all’anno ed uno scrittore ogni settemila abitanti si parla ormai della Sardegna come dell’isola degli scrittori. Lo ha confermato l’incontro “Meglio Sardi che Noir” organizzato lo scorso martedì 8 dicembre presso il Jardin de l’Ange di Courmayeur nell’ambito del “Noir in Festival”. Condotto da Marcello Fois (il cui “Sempre caro”, pubblicato nel 1988, è preso come punto d’inizio del boom sardo), l’incontro ha visto gli scrittori Michela Murgia, Giulio Angioni, GiovanniRead more