40 GRANDI ALL’OMBRA (8)- SANDRO GIBELLINI e PAOLA MEI in “Contaminata”

«Oltre ad essere una mia amica, Paola Mei è una cantante dalle straordinarie capacità vocali. E ha di bello che interpreta perfettamente Mina senza scimmiottarla.» Parola di Sandro Gibellini, cinquantanovenne chitarrista bresciano che, amicizia a parte, è il più adatto a giudicare una cantante che interpreta Mina visto che con Mina ha registrato per anni. Da “Caterpillar “ del 1992 a “Sconcerto” del 2001, passando per “Napoli” del 1996. In quest’ultimo li si può, per esempio, ascoltare mentre attaccano daRead more

40 graNdi all’ombra (7) – Qual gran genio di BRUNO CANFORA

Per tutti gli anni Sessanta Bruno Canfora (Milano 6 novembre 1924) è stato il signore, con baffi ed occhiali, che dirigeva, in disparte e silenzioso, l’orchestra dei più grandi show Rai: da Studio Uno a Canzonissima. Davanti a lui, a monopolizzare l’attenzione, c’era quasi sempre una ragazzona di Cremona, Mina Anna Maria Mazzini, che, ancora diciannovenne, lo aveva strabiliato interpretando perfettamente al primo colpo un suo arrangiamento per orchestra di “A foggy day”. Con lei, tra il 1959 ed il 1968Read more

40 graNdi all’ombra (6) -“Creuza de mà” ed altre avventure musicali di MAURO PAGANI allo Splendor di Aosta

L’edizione numero 19 di Aosta Classica si è aperta il 25 luglio, al Teatro Splendor di Aosta, con Mauro Pagani. Annunciato come celebrazione del trentennale della pubblicazione di ”Creuza de mà” (di cui è stato da poco pubblicato un lussuoso box con 2 cd remixati ed un libro), il concerto è stato piuttosto una carrellata sulla straordinaria carriera di questo sessantottenne bresciano protagonista dei momenti più significativi della musica italiana degli ultimi 40 anni. Dall’esplosione del progressive rock (faceva parteRead more

40 graNdi all’ombra (5) BEPPE D’ONGHIA e LUCIO DALLA

Non è facile trovare sul web una foto (o dei video) di Beppe D’Onghia con Lucio Dalla. Eppure del compianto cantautore il musicista pugliese (è nato a Taranto il 31 luglio 1963) è stato per oltre 20 anni il collaboratore, forse, più importante. Dai tour DallaMorandi (’90) e DallAmeriCaruso (’95) alle registrazioni di “Henna” e “Amen”. Per non parlare dell’importanza avuta nella sua svolta classica con l’opera “Tosca Amore Disperato” ed i concerti con il Nu-Ork Quintet (con cui ha registratoRead more

40 graNdi all’ombra (4) Grazie a PEPI MORGIA finalmente c’è in cielo “un regista come Dio comanda”

Quando, nel 2009, lo conobbi, di lui mi colpi il contrasto tra un aplomb aristocratico e la disponibilità curiosa verso l’altro. Non a caso il suo amico Fabrizio De Andrè lo chiamava “principe anarco-monarchico” ed il suo nome completo era Gian Luigi Maria Morgia dei conti di Francavilla. Questo, però, lo seppi dopo. Quel 23 ottobre 2009 per me era “solo” Pepi Morgia, regista del tour “De André canta De André” che quella sera Cristiano De Andrè avrebbe portato alRead more

40 graNdi all’ombra (3) Le canzoni che fanno innamorare di quel genio di MICKY GREANEY

Micky Greaney (nato il 1° agosto) è un genio. Suona deliziosamente la chitarra, canta con una voce da brividi e compone canzoni che sanno essere gentili e visionarie allo stesso tempo. Ascoltarlo dal vivo è un’esperienza entusiasmante. Per provarla bisogna, però, andare dalle parti di Birmingham, perché, nei primi anni Duemila, ha rinunciato ad essere una popstar costruita in laboratorio alla James Blunt o David Gray. Le premesse c’erano tutte, a cominciare dal super produttore John Leckie, l’uomo che col suo toccoRead more

40 graNdi all’ombra (2) MIKE SEEGER: l’archetipo supremo del musicista folk

Di montagne, nel 2002, Anno Internazionale ad esse dedicato, si era parlato e scritto in tutte le salse. Dimenticandosi, però, degli Appalàchi, il sistema montuoso lungo 2500 chilometri che corre parallelo alla costa orientale degli USA (partendo dal sud del Canada per arrivare all’Alabama). Se la cosa, dal punto di vista alpinistico, non era, poi, grave, lo diventava se si guardava, invece, all’aspetto musicale. Proprio negli Appalàchi, infatti, tra montagne di tutti i colori (Green, White e Black Mountains) è nata la tradizioneRead more

40 graNdi all’ombra (1) GIORGIO CONTE: “Non sono Maddalena… ma neanche Paolo”

Il 23 aprile 1941 è nato Giorgio Conte, raffinato cantautore astigiano che vive, suo malgrado, all’ombra del più noto fratello maggiore Paolo. «Più che un amico, un fratello», mi aveva detto, scherzando, quando, nel maggio 1996, l’avevo intervistato al “Folk Club” di Torino . «Da giovani– aveva proseguito- in casa ci contendevamo il pianoforte. Ciascuno aveva poi la sua camera che era il pensatoio personale. Un giorno avevo trovato una musica che mi piaceva e me la stavo canticchiando con la chitarraRead more