PIERLUCIO TINAZZI detto SPADINO, semplicemente un eroe

Era il 24 marzo 1999 quando un TIR belga pieno di farina e margarina prese fuoco all’interno del tunnel del Monte Bianco. L’incendio che sviluppò richiese ai vigili del fuoco italiani e francesi 53 ore di lavoro per essere domato. Le vittime accertate furono 39. Un bilancio forse aggravato dall’errore di un tecnico italiano che, invece di aspirare fumo, come prescrivono le norme di sicurezza, soffiò nel tunnel aria fredda. Per ristrutturazione e riparazione il tunnel rimase chiuso fino al 9 marzo del 2002.Read more

A un passo da ELISA al Palais-Saint-Vincent

A un passo dal possibile. A un passo da Elisa. Quel passo, la sera del 24 marzo, Manuele Amateis, impiegato comunale aostano, l’ha fatto. E, avvicinatosi al palco del Palais Saint-Vincent, ha chiesto alla musicista di Monfalcone di cantare, come bis, “Eppure sentire (un senso di te)”, la canzone che inizia con le parole “a un passo dal possibile, a un passo da te. Paura di decidere, paura di me.” Quella che, inserita nella colonna sonora di “Manuale d’amore 2”,Read more

La forza della dolcezza di ELISA al Palais Saint-Vincent

E’ l’acqua l’elemento che accomuna il concerto che la trentatreenne Elisa Toffoli, in arte Elisa, ha dato il 7 settembre scorso ad Aosta, per la Festa della Valle d’Aosta, e quello tenuto il 24 marzo al Palais Saint-Vincent. A settembre fu un’insistente pioggia ad inzuppare le migliaia di spettatori che, nonostante tutto, si ammassarono in Piazza Chanoux. Al Palais l’acqua è, invece, stata protagonista delle immagini che scorrevano su un maxischermo alle sue spalle. «Saranno proiettati filmati con tante immaginiRead more

GORAN BREGOVIC: la vita è una valigia troppo pesante da portare da soli

E meno male che quel 26 luglio 2008 Goran Bregovic (nato il 23 marzo 1950) era convalescente. I postumi di una recente caduta- due vertebre tenute su da placche d’acciaio ed un busto che gli limitava il respiro- non bastarono, infatti, a frenare la selvaggia energia che caratterizza le sue esibizioni, rendendolo protagonista di un entusiasmante concerto in un Teatro Romano di Aosta pieno come un uovo. Con lui due cantanti e la “Wedding & Funerals Band“, una fanfara di ottoniRead more

EURO OPEN JAZZ FESTIVAL di Ivrea e del Canavese edizione 3.1

Il più “sfigato, il contrabbassista Solomon Dorsey, ha suonato con gente come Stevie Wonder e Bobby Watson. Per gli altri due componenti del “Trio of Oz” , esibitosi la sera del 19 marzo al “Giacosa” di Ivrea” per l‘Euro Open Jazz Festival, si farebbe prima a dire con chi “non” hanno suonato. La pianista Rachel Z, al secolo Rachel Carmen Nicolazzo (padre calabrese e madre franco-italiana), ha esordito a sedici anni con i leggendari Steps Ahead. E, poi, si èRead more

APPUNTI DI VIAGGIO (8) Amare senza sognare è come visitare VENEZIA senza andare in GONDOLA (2011)

Sono lontani i tempi quando André Mirabeau scriveva: amare senza sognare è come visitare Venezia senza andare in gondola. Sia il sognare che l’andare in gondola attualmente si possono pagare assai cari (alcuni turisti, per mezz’ora, si sono visti “sparare” fino a 300 Euro). Il fascino di questa “barcaluna” (per la sua forma a forma di mezzaluna) persiste, comunque, immutato. Lo dimostra, a suo modo, la marea di souvenir, più o meno kitsch, che fanno la fortuna degli ambulanti veneziani.Read more

Il lato oscuro dell’Italia del terzo millennio messo a nudo in “MADE IN ITALY”

Dopo Coca Cola e VISA, il marchio “Made in Italy” è il terzo al mondo per notorietà. A lungo simbolo di qualità, creatività ed accuratezza dei prodotti, ha con gli anni finito per associarsi agli aspetti negativi del nostro paese. Un “lato oscuro” spesso e volentieri messo alla berlina dagli osservatori esterni, quanto rimosso dalla maggioranza degli italiani, talmente assuefatti da non accorgersene. Salvo, poi, farne oggetto di chiacchiere qualunquiste da bar. Da queste sono partiti Valeria Raimondi e EnricoRead more

STAFF BENDA BILILI: gli handicappati più conosciuti (e musicali) d’Africa

“Se hai un solo dente in bocca, usa quello per sorridere”. In questo proverbio africano c’è la filosofia di vita che è alla base di un fenomeno come Staff Benda Bilili, il gruppo congolese che il 14 marzo ha inaugurato al Teatro Giacosa di Aosta la sua tournèe europea. Si tratta, infatti, di un’orchestra di mendicanti paraplegici che è solita muoversi nel caotico traffico di Kinshasa a bordo di tricicli motorizzati in stile “Easy Rider”. Mendicanti di giorno, la seraRead more

JOE PITTS: per suonare bene il Blues devi avere un gran bel cuore, perché la musica viene da lì.

Per Joe Pitts tutto cominciò a New Orleans. Era la fine degli anni Sessanta e suo padre ne impose la presenza come “condicio sine qua non” perché la figlia Debby vi potesse andare a vedere un concerto. «Avevo 13 anni e suonavo già la chitarra.– ricorda oggi Joe- Debby mi portò al “Warehouse” raccomandandosi di guardare ed ascoltare bene il chitarrista che sarebbe salito sul palco. Quando si abbassarono le luci percepii subito la presenza di Duane Allman, una sensazioneRead more

ARTE (22) SOFFI DI LIBERTA’ illustrati da EUGENIA MOLA DI LARISSE’

Per chi ha più di quarant’anni il cavallo per antonomasia è lo stallone bianco che, negli anni Settanta, trasmetteva una “sensazione di prorompente vitalità” correndo libero sulla spiaggia in una pubblicità di Pino Silvestre Vidal. Si chiamava Cardinero, e, quando nel 2007 morì, San Genesio, dove aveva vissuto la vecchiaia, gli dedicò una piazza. Alla fama televisiva erano, purtroppo, seguiti anni bui, che Dacia Maraini, che l’aveva conosciuto, ha descritto nel racconto “La rinascita di Orlov”. “Mi guardò– scrive- conRead more

Il menù vario e gustoso di THE ORIGINAL TRIOLOGY

«Il jazz è un po’ come la cucina– spiega il sassofonista e clarinettista Marco Tardito– se si finisce per proporre lo stesso menù il pubblico scappa. Quello che, invece, offriamo con questo trio è estremamente vario e gustoso.» Il gruppo in questione è “The Original Triology” che il 5 marzo si è esibito all’Espace Populaire per il quinto appuntamento della rassegna jazz. Oltre a Tardito, ne fanno parte il chitarrista Max Carletti ed il trombonista Giorgio Giovannini, due musicisti abituatiRead more