Il valdostano SIMONE PERRON, in arte Leon, il 10 luglio sul palco principale di PISTOIA BLUES

Con 36 anni di storia ed ospiti del calibro di Muddy Waters, B.B.King, John Lee Hooker, Steve Ray Vaughan e Jimmy Page (ma l’elenco è infinito e stellare), il Pistoia Blues Festival è sicuramente la rassegna italiana più importante per questo genere di musica. Apertosi, con gli anni, ad altre musiche, quest’anno si svolgerà tra il 5 ed il 16 luglio con ospiti come Mika, Skunk Anansie, Whitesnake e Damien Rice. Il 10 luglio, in particolare, sul prestigioso mainstage diRead more

A Sarre la mostra “Attenti al lupo” di BARBARA TUTINO ed EMO BROCCARD

Dopo che, negli anni Settanta, ha rischiato l’estinzione, diventando specie protetta, il lupo è tornato a popolare, moltiplicandosi, gli Appennini e le Alpi. Alcuni sono stati avvistati anche in Valle. A Champdepraz, Gressoney, Val d’Ayas e a Cogne. «Ne ho visto uno vicino alla casa di Barbara, all’imbocco del Parco del Gran Paradiso,- racconta lo scultore sarrolein Emo Broccard– e lì mi è nata l’idea della mostra.» Il frutto di questo avvistamento è la mostra “Attenti al lupo” di BroccardRead more

CD NEWS (28) – “Anime” di Davide Tosello e i Kedivè (2016)

Per circa mezzo secolo, dal 1867 alla Prima Guerra Mondiale, i Kedivè furono i viceré che esercitarono il potere in Egitto per conto dei sultani ottomani. Dal 2012 è anche il nome della band che accompagna il cantautore valdostano Davide Tosello. «Mi piaceva il suono ed era ironico nei confronti del “sultano” Davide.- spiega il chitarrista Luca Consonni, che l’ha ideato- L’abbiamo adottato durante le registrazioni di “Silenziosamente”, visto che avevamo dato un contributo significativo al cd.» Silenziosamente, col tempoRead more

40 GRANDI ALL’OMBRA (8)- SANDRO GIBELLINI e PAOLA MEI in “Contaminata”

«Oltre ad essere una mia amica, Paola Mei è una cantante dalle straordinarie capacità vocali. E ha di bello che interpreta perfettamente Mina senza scimmiottarla.» Parola di Sandro Gibellini, cinquantanovenne chitarrista bresciano che, amicizia a parte, è il più adatto a giudicare una cantante che interpreta Mina visto che con Mina ha registrato per anni. Da “Caterpillar “ del 1992 a “Sconcerto” del 2001, passando per “Napoli” del 1996. In quest’ultimo li si può, per esempio, ascoltare mentre attaccano daRead more

CD NEWS (27) – “Sunday morning” del GOOD VIBES TRIO

Dai fratelli Adderley, Heath e Brecker alle famiglie Marsalis e Pizzarelli, sono ricorrenti i jazzisti legati da vincoli di parentela. Una quasi tradizione che si perpetua con il pianista Beppe Barbera ed il figlio Lorenzo, batterista e vibrafonista, che da un paio di anni hanno formato, col bassista Maurizio Longo, il Good Vibes Trio. «Messi insieme non hanno i miei anni,- osserva Beppe- ma la musica è intergenerazionale, per cui, con idee diverse, contribuiscono ad un progetto unico che innervanoRead more

Le visualizzazioni video delle fiabe de L’ORAGE

Il suono ha una forte capacità di sollecitazione sinestesica: oltre all’orecchio, mette, cioè, in moto tattilità e propriocezioni e, soprattutto, è un’irresistibile fonte per l’immaginazione visiva. Ecco, quindi, il perché nell’attuale civiltà dello spettacolo (parola che deriva dal latino “spectare” cioè “guardare”), in cui si sta,inevitabilmente, assistendo alla prevalenza della vista sugli altri sensi, la musica sembra sempre più passare attraverso l’occhio per riuscire a comunicare con il pubblico. In particolare con le nuove generazioni di nativi digitali, che, più che ascoltarla,Read more

PATRICK PASSUELLO “Re per una notte” con il B.Y.O.B. Party nel suo P-Fucktory Studio

Ripensando alla propria vita è più facile che uno ricordi notti insonni che grandi dormite. Lo sanno bene The Room che all’insonnia, che ha afflitto per anni il chitarrista Loris Massera, hanno dedicato il concept album “Insomniac”, ma lo può confermare Patrick Passuello che ricorderà sicuramente a lungo la notte del 1° giugno 2016 in cui non è riuscito chiudere occhio per la valanga di emozioni scatenate dal B.Y.O.B. (Bring Your Own Bottle) Party organizzato nel suo atelier aostano, ilRead more

CD NEWS (26)- “Penguin Village” di GABRIELE BOGGIO FERRARIS (2015)

Strumento a percussione, ma con capacità espressive degne di un pianoforte, il vibrafono ha visto questa sua doppia anima caratterizzare tutti gli 80 anni della sua storia nel jazz italiano (la prima registrazione, di Ezio Levi, risale al 1936). Con un dominio iniziale di pianisti e fisarmonicisti, seguito dall’attuale prevalenza dei percussionisti. A metà si può collocare il trentaduenne lombardo Gabriele Boggio Ferraris, che, pur essendo un ex batterista, ha sempre privilegiato i modelli pianistici: da Michel Petrucciani all’adorato BradRead more