“Il Barbiere di Siviglia” di Rossini rappresentato in forma scenica, ad Aosta, dal Gruppo Filarmonico di Quart.

  Come nel 2018 il Gruppo Filarmonico Quart ha celebrato la Festa della Musica rappresentando il 21 giugno, al Teatro Splendor di Aosta, un’opera lirica trascritta per banda. E se lo scorso anno era stato “Rigoletto”, quest’anno è stato “Il barbiere di Siviglia“, opera buffa in due atti di Gioacchino Rossini, su libretto di Cesare Sterbini, tratto dalla omonima commedia francese di Pierre Beaumarchais. Anche questa volta è stato il Maestro Lorenzo Pusceddu a curare la riduzione per Banda, narratoreRead more

La musica minimalista del Clarinet Choir dell’I.M.P. della Valle d’Aosta

Nata negli Stati Uniti negli anni Sessanta, la musica minimalista cercò di rendere la musica d’avanguardia più accessibile attraverso la ripetizione ossessiva di brevi frammenti melodico-ritmici su statiche armonie tonali. Dopo le accuse di “selvaggia primitività” e “solfeggi ossessivi” si è imposta grazie ad alcuni maestri come La Monte Young, Steve Reich, Philip Glass e Terry Riley. Tra i primi capolavori ci fu il brano “In C”, scritto da Riley nel 1964, che la sera del 6 giugno si èRead more

L’Assemblee regionale de Chant Choral 2019 anima Aosta

18 gruppi folkloristici e quasi 40 corali (di cui 4 cori scolastici e 10 di giovani e bambini), per un totale di quasi 1140 musicisti. Sono queste le cifre della 69esima edizione dell’Assemblee regionale de Chant Choral, che si è svolta ad Aosta dal 24 maggio al 1° giugno. 69 anni di vita come Charlie Brown. E come la coperta del suo grande amico Linus è diventata qualcosa di irrinunciabile per la comunità valdostana, rappresentando uno dei punti fermi intornoRead more

Frankie Hi Nrg riletto, ad Aosta, da Sago con la JazzSfomOrchestra

Lo scorso anno il sassofonista aostano Manuel Pramotton presentò al Torino Jazz Festival (e successivamente a CHAMOISic) una rivisitazione del rap di Frankie Hi Nrg alla luce del jazz dai sapori mediorientali dei suoi Al Jazzeera. Un connubio riuscito, che ha riproposto la sera del 24 maggio, alla Cittadella di Aosta nell’ambito del nono appuntamento della rassegna Cambiomusica della Scuola di Formazione ed Orientamento Musicale. Al posto degli Al Jazzeera c’era, però, la JazzSfomOrchestra diretta da Pramotton, e al postoRead more

La tromba solista di ALEX ELIA impreziosisce il concerto dell’ORCHESTRE DU CONSERVATOIRE DE LA VALLEE D’AOSTE

Dieci anni fa, nel 2009, Alex Elia si diplomava con il massimo dei voti in tromba e partecipava al Concorso internazionale per tromba e trombone di Aymavilles. Sono state le prime tappe di una carriera densa di soddisfazioni che attualmente vede il ventinovenne musicista di Chambave prima tromba dell’Orchestra Filarmonica di Rotterdam. La sera del 14 maggio è tornato in Valle per esibirsi al Teatro Splendor di Aosta, per la Saison Culturelle, con l’Orchestre du Conservatoire de la Vallée d’AosteRead more

IL Balafon Jazz dell’Ensemble Artistique de Bolomakoté di Yaya Outtarà ad Aosta

Il balafon, strumento caratteristico dell’Africa Occidentale sub-sahariana, può considerarsi l’antenato dello xilofono e della marimba (che, secondo alcuni studiosi, sarebbe nata in America ad opera di schiavi africani). Anche per questo si intitolava “Racines” il concerto che la sera del 5 maggio ha visto protagonisti, al Teatro Splendor di Aosta, alcuni straordinari balafonisti del Burkina Faso, nell’ambito della Saison Culturelle. «L’ho chiamato così sia perché il balafon è alla radice delle marimbe e degli xilofoni, sia perché l’Africa è laRead more

Finalmente ad Aosta lo Scarlatti per fisarmonica di Giorgio Dellarole

A quarantasettenne anni e dopo aver suonato in mezzo mondo, per il fisarmonicista Giorgio Dellarole la sera del 18 aprile c’è stato un debutto aostano. Nella città dove è nato ha indubbiamente suonato più volte, ma per la prima volta lo ha fatto nella nuova sede del Conservatoire de la Vallée d’Aoste alla Torre dei Balivi. Quando, infatti, nel 2014, dopo avervi aperto la cattedra di fisarmonica ed insegnato per undici anni, si è trasferito al Conservatorio di Parma, l’AuditoriumRead more

Gli spettacolari tromboni dei MASCOULISSE ai Jeudi du Conservatoire

C’è da aspettarsi di tutto da un concerto dei Mascoulisse, il quartetto di ottoni che si è esibito la sera dell’11 aprile all’Auditorium della Torre dei Balivi di Aosta, per il quinto appuntamento della rassegna Jeudi du Conservatoire. Nel brano “B-G-F Alarm” di Luca Sandrini hanno addirittura coinvolto un ragazzo del pubblico col suo iPhone,il cui squillo ha segnato, dopo 5 minuti di spericolate acrobazie sonore e teatrali, la fine del pezzo. A dimostrazione di come il cuore antico della musica strumentaleRead more

OMAR SOSA e YILIAN CANIZARES conquistano Aosta

Appartenenti a generazioni diverse, il pianista Omar Sosa e la violinista Yilian Cañizares sono accomunati dall’essere nati a Cuba e dall’avere poi imboccato, fisicamente e artisticamente, le strade del mondo per trovare una loro personalissima dimensione. Strade che si sono intrecciate nel 2018 con la pubblicazione dell’album “Aguas” che la sera del 3 aprile hanno presentato al Teatro Splendor di Aosta, nel corso di un concerto inserito nella Saison Culturelle. Album intimo e personale, “Aguas” è dedicato a Oshun, che nellaRead more

Ad Aosta Umberto CLERICI inaugura trionfalmente i JEUDI DU CONSERVATOIRE dirigendo Les Cordes du Conservatoire

“Dovete essere orgogliosi di loro”. Così ha esclamato Umberto Clerici al termine del concerto che la sera del 14 marzo ha inaugurato la quinta edizione dei Jeudi du Conservatoire nell’Auditorium della Torre dei Balivi di Aosta. Si riferiva ai ragazzi valdostani dell‘Orchestra Les Cordes du Conservatoire che il trentaseienne violoncellista torinese ha diretto in un concerto che, iniziato con il groove incontenibile del Concerto Branderbughese n.3 di Bach, si è concluso con la melodia zampillante della Serenata per archi op.48 diRead more

“Maledettamente speciale”, VANESSA TAGLIABUE YORKE canta Edith Piaf ad Aosta

“Voglio far piangere la gente anche quando non capisce le mie parole.” Lo ha detto Edith Piaf, ma potrebbe urlarlo Vanessa Tagliabue Yorke a chi, ad Aosta, le ha rimproverato che il suo fosse un “francese stentato e condito da errori di pronuncia”. Dimenticando che Il 7 marzo, sul palco del Teatro Splendor, non c’era un accertamento della lingua, ma, piuttosto, l’appassionato e coinvolgente omaggio musicale al “passerotto” francese della trentacinquenne cantante lombarda, che per tutta la sera ha cantato nella nella stessa,Read more

C’ERA UNA VOLTA (38)- IDA DESANDRE’, la piccola luce «pe pas perdre lo tzemin (per non smarrire la strada).»

“Oggi, 6 marzo 2019, dalle prime ore di questo freddo pomeriggio, la bella persona che mi ha generato, IDA DESANDRÉ, non c’è più. Di lei sappiamo praticamente tutto perché si è trovata suo malgrado a dover raccontare una storia più grande di lei, nonostante lei sia stata più grande della storia.” Così Roberto Contardo ha annunciato, sulla sua pagina Facebook, la morte della madre. Con lei, nella primavera 1998, era tornato sul binario della stazione di Bolzano che il 10 ottobreRead more