L’anima della notte nel chitarrismo di GILBERT IMPERIAL

C’era una volta il chitarrista classico, che da quattro assi di legno e sei corde di budello (e, poi, di nylon) sapeva trarre cattedrali di suono più o meno mirabili. Come si sia, oggi, trasformata questa figura lo ha dimostrato Gilbert Imperial nel corso del concerto tenuto il 12 aprile al Theatre de la Ville di Aosta per la Saison Culturelle. Nel suo viaggio nelle caratteristiche espressive delle varie anime della chitarra del Novecento, Imperial è partito dal modello diRead more