L’altra Storia, quella degli ultimi e dei dimenticati, raccontata nella pagina Facebook “Cannibali e re” e nell’almanacco “Cronache Ribelli”.

La Storia ufficiale è scritta dai vincitori e dai potenti. Poco o nulla vi trapela, invece, della moltitudine di uomini comuni che, con sofferenze, lotte e sacrifici, hanno fatto progredire l’Umanità. Perché, come cantava Pierangelo Bertoli, “a stare in trincea sono gli uomini normali, non i capi di stato o i generali… non i vescovi e neanche i cardinali.” Dall’aprile 2016 a dare voce alla Storia degli ultimi ci pensa “Cannibali e re”, il progetto di alcuni giovani che hannoRead more