Quella volta che con gli ARTICOLO 31 parlammo di come avevano traghettato nel rap la musica melodica italiana

Un urlo per gli Articolo 31. Uno sballo per gli Articolo 31. Un pienone per gli Articolo 31. Il loro “spaghetti funk”, fatto di musica italiana “mutata” e rime rap in uno slang che “dà energia tipo ginseng” , il 3 dicembre 2002 attirò, infatti, al Palais Saint-Vincent millecinquecento seguaci, in gran parte giovanissimi, per la prima, storica apertura della Saison Culturelle a quella fetta di pubblico. Attirati dalla fama “stupefacente” dei due rappers milanesi, al Palais affluirono in massaRead more

I “quadri da un’esposizione” di CAPAREZZA fanno (s)ballare il Palais di Saint-Vincent

 Dopo 15 anni di carriera ed il crescente successo dei primi 5 album, è con “Museica”, pubblicato lo scorso anno, che il cantautore pugliese Michele Salvemini, in arte Caparezza, ha raggiunto la piena maturità artistica e realizzato molti suoi sogni musicali. «Per la prima volta– ha elencato orgoglioso prima del concerto– ho fatto, per esempio, un concerto al Whisky a Go Go di Hollywood. Ma sono arrivato anche in cima alle classifiche di vendita, ricevendo tre dischi di platino, eRead more

A Saint-Vincent arrivano RENZO ARBORE (il 20 marzo) e CAPAREZZA (l’11 aprile)

A cinque anni dall’ultima esibizione valdostana (il 19 luglio 2009 si esibì al Forte di Bard per Musicastelle), torna in Valle Renzo Arbore con la sua Orchestra Italiana. Venerdì 20 marzo, alle 21, saranno nella Sala Gran Paradiso del Centro Congressi del Grand Hotel Billia di Saint-Vincent per un evento organizzato da Opere Buffe per il Saint-Vincent Resort & Casino. Da 24 anni Arbore si dedica con l’Orchestra alla valorizzazione della canzone napoletana classica in Italia e all’estero. Nella sua “allRead more

Quella volta che il musico vagante FRANCESCO GUCCINI approdò a Saint-Vincent

Nell’anno 2003 di nostra vita, lui, Francesco Guccini, poeta e musico vagante, nonchè “piccolo baccelliere”, approdò nuovamente in terra valdostana. Con il suo fardello di canzoni d’amore, di rabbia e altre sciocchezze che l’11 aprile infiammarono di passione l’aria di un Palais Saint-Vincent colmo di quasi duemila anime, accorse ad omaggiare l’abilissimo “burattinaio di parole”, maestro nel gioco di “saper usare o no di un certo metro” e nel riuscire a trasformare le canzoni da stelle filanti in comete. E’Read more

JAN GARBAREK: la musica più esotica l’ho trovata nel cortile di casa

Diavolo d’un Garbarek! Quando, quel 3 maggio 2000, gli chiesi attraverso quali vie fosse arrivato alla maliosa, cangiante, inafferrabile musica che aveva ipnotizzato lo sparuto pubblico accorso al Palais Saint-Vincent,  il sassofonista norvegese (Mysen 4 marzo 1947) placidamente se ne uscì parlando di giardinaggio. «Ho iniziato a quattordici anni suonando brani zeppi di note, come “Countdown” di John Coltrane.- raccontò- Poi ho cominciato a fare un po’ di pulizia, potando i rami secchi ed estirpando le erbacce che c’erano nella mia musica. FinchéRead more

Il miraggio de L’ORAGE si trasforma in un fantastico viaggio musicale con FRANCESCO DE GREGORI al Palais Saint-Vincent

Il 2 di febbraio dell’anno di grazia 2013 potrebbe essere stato un giorno storico. Per la musica valdostana, per una delle sue migliori espressioni, L’Orage, ma anche, perchè no?, per il Principe Francesco De Gregori, che con la band valdostana ha tenuto, al Palais Saint-Vincent, un concerto ad alto contenuto emozionale. Come nelle tappe migliori della sua carriera, il cantautore romano ha, infatti, accettato di mettersi in gioco, affidando i gioielli di famiglia, le sue canzoni, ad una band semisconosciutaRead more

Il cannibale musicale ENZO AVITABILE al Palais Saint-Vincent

Il regista statunitense Jonathan Demme è affascinato dai cannibali. Così, dopo avere fatto del dottor Hannibal “the Cannibal” Lecter il protagonista del suo celebre film “Il silenzio degli innocenti”, lo scorso anno ha presentato al Festival di Venezia il documentario “Music Life” dedicato al sassofonista e cantautore napoletano Enzo Avitabile (1 marzo 1955), che il 26 gennaio è stato protagonista al Palais Saint-Vincent di un concerto della Saison Culturelle. Anche il cinquantasettenne napoletano, infatti, è, musicalmente, un “cannibale”. Lo dimostraRead more

La voce luminosa di GIORGIA illumina il Palais Saint-Vincent

Tanto per iniziare, ha messo subito le cose in chiaro. “Come saprei riuscirci io… nessuno saprebbe mai” ha cantato, salendo sul palco del Palais Saint-Vincent. E tutto il concerto del 27 aprile è stato una conferma di come siano in pochissime le cantanti coi mezzi vocali di Giorgia, che sappiano, cioè, fare le cose che sa fare lei. Ma questo si sapeva. A certificarlo è stata gente come Herbie Hancock (“quando canta– ha detto- ha una luce dentro”) o EltonRead more

L’Utopia dei KYMERA si realizza al Palais Saint-Vincent

In una vecchio cartone animato di Walt Disney, Cenerentola cantava: i sogni son desideri chiusi in fondo al cuor. C’è, poi, gente, come i Kymera, che i sogni riesce a concretizzarli. Ne è un esempio l’opera pop “Utopia” che hanno proposto il 28 gennaio, al Palais Saint-Vincent, per la Saison Culturelle. La vocalità immaginifica di Davide Dugros e Simone Giglio ha, infatti, trovato in questo spettacolo multimediale lo sbocco naturale per visualizzare il proprio mondo interiore intriso di sogno eRead more

A Saint-Vincent la neve cade sulle “piccole scene d’addio” di IVANO FOSSATI

“E’ la pioggia-canta Ivano Fossati– che deve cadere sulle piccole scene di addio”. Per un grande addio, come quello annunciato  dal sessantenne cantautore genovese, Saint-Vincent ha, invece, riservato la neve, caduta copiosa il 20 dicembre quando Fossati  si è esibito al Palais Saint-Vincent per quello che in America chiamano “farewell tour”. Come dichiarato, infatti, il 2 ottobre durante la trasmissione “Che tempo che fa”, alla fine del tour promozionale del nuovo cd “Decadancing” darà l’addio al mestiere della discografia, fatto di rapporti coiRead more

La classe senza tempo di IAIN MATTHEWS e dei suoi “SOUTHERN COMFORT” al Palais Saint-Vincent

Il 4 giugno la seconda serata della rassegna “Ethnika 2011” ha completato il percorso “di qua e di là dell’Oceano” che ne era il tema conduttore. Dopo il gaitero asturiano Hevia, al Palais Saint-Vincent si è, così, ascoltato il country d’autore degli eporediesi “Branco Selvaggio” e, soprattutto, il folk rock della storica band inglese “Matthews Southern Comfort”, guidata Iain Matthews McDonald. A saltare di qua e di là dell’oceano il sessantacinquenne cantautore inglese è abituato, ormai, da più di quarant’anni.Read more

Etnico ma non troppo, HEVIA al Palais Saint-Vincent

Il successo planetario val bene una messa … a punto della gaita, la cornamusa asturiana cugina di quella scozzese e della piva appenninica. «L’idea– spiega José Angel Hevia Velasco– è nata nel tentativo di ampliarne le possibilità espressive e, soprattutto, evitare le proteste dei vicini di casa di quelli che studiavano la cornamusa. Da un’equipe composta da me e due tecnici è nata, nel 1998, la gaita MIDI.» I 3 milioni di copie del Cd “No man’s land” e ilRead more